Logo Sito New

Milazzo: Furto di rame, tre arresti

 

unnamed-2La Società “CELGAS”  sita a Milazzo in via Gramsci, nell’ultimo mese aveva registrato già due furti di circa 1700 Kg di rame. A seguito di questo primo furto, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile, guidati dal Maresciallo Capo Angelo Floramo, in perfetta sinergia con i Carabinieri della Stazione di Milazzo, agli ordini del Maresciallo Capo Tommaso La Rosa, cominciavano una serrata attività di indagine, analizzando le tracce lasciate dai ladri di rame, con l’intento di risalire alla loro identità. Alcune notti fa, l’attività di osservazione e vigilanza ad alcuni obiettivi ritenuti “sensibili” dava i suoi frutti. Una pattuglia si accorgeva che degli sconosciuti travisati da passamontagna, avevano parcheggiato un furgone bianco all’esterno,  avevano forzato il cancello d’ingresso della “CELGAS” e si erano introdotti, armati di strumenti da effrazione, all’interno di un capannone. In pochi minuti I Carabinieri del Radiomobile e quelli della Stazione di Milazzo eseguivano un vero e proprio blitz, bloccando in flagranza di reato tre cittadini rumeni:

MENET DANUL GEORGE, classe 1971, residente a Spadafora, già noto alle Forze di Polizia;

PAVEL MARIAN, classe 1991, residente a Spadafora;

DOROICAN MIHAI, classe 1988, residente a Messina.

I tre, introdottisi in quell’azienda, avevano già preparato circa 1800 kg di rame, danneggiando più di 10 bobine. I cavi di rame erano stati sapientemente tranciati in pezzi più piccoli, in modo da renderne più facile il trasporto.ARR1

I tre venivano tratti in arresto per tentato furto aggravato e danneggiamento in concorso e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria venivano ristretti presso le proprie abitazioni in regime di arresti domiciliari. Gli arnesi da scasso e il furgone venivano sottoposti a sequestro, mentre il rame veniva restituito al legittimo proprietario.ARR3

I tre arresti sono un importante risultato operativo e gli inquirenti sono fiduciosi che rappresenteranno  un freno al fenomeno dei furti di rame in tutto il comprensorio milazzese. Le indagini continuano, per ricondurre nella responsabilità dei tre, altri furti consumati nei mesi scorsi nella fascia tirrenica.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

cincotta2

  1. Video
  2. Foto