Metalli pesanti nelle urine dei bambini di Milazzo e Valle del Mela

Pubblicato Domenica, 22 Settembre 2013 13:37
Visite: 2042

provetteLa Valle del Mela continua, purtroppo, ad arrecare diversi danni agli abitanti di Milazzo, Pace del Mela e San Filippo del Mela. E' risaputo che da anni la zona è contaminata e ad alto rischio ambientale, ma nonostante questo non vi sono mai state azioni importanti e decisive per sistemare la situazione e permettere finalmente ai cittadini di vivere in sicurezza, senza il terrore che la stessa aria respirata, la stessa acqua bevuta o lo stesso cibo mangiato possano causare dei danni gravi e, in casi estremi, irreparabili. Il caso, così eclatante, è arrivato addirittura in Germania, a Bonn, nella sede dell'organizzazione mondiale della sanità: il Prof. Squadrito, ordinario di Farmacologia dell'Università di Messina, ha sviluppato un'attenta relazione sulla concentrazione di metalli pesanti, specialmente cromo e cadmio, presenti nelle urine di alcuni bambini abitanti di Milazzo, Pace del Mela e San Filippo del Mela: la quantità dei materiali contenuti nelle analisi supera di gran lunga la media consentita. Il cromo e il cadmio, in alte percentuali, possono danneggiare in modo grave l'organismo, avvelenando lentamente l'intero sistema di un uomo adulto, gli effetti quindi su di un bambino potrebbero essere devastanti. Infatti, come relazionato dal Prof. Squadrito, su 31 soggetti dei 200 analizzati, sono state riscontrate delle alterazioni morfologiche dell'apparato riproduttore, inutile dire che tutto ciò nella "migliore delle ipotesi" porterebbe i bambini, in futuro, ad essere impotenti ed incapaci di procreare, nella peggiore, invece, potrebbe causare la morte. Il caso è critico, il tutto è stato portato all'attenzione dell'Oms, sperando che davvero finalmente si agisca per salvaguardare la salute dei cittadini.