Logo Sito New

Ballottaggio. Accorinti interviene sul dissesto: “Occorre percorrere ogni strada per evitarlo”

accorinti-renato2A pochi giorni dal ballottaggio, Renato Accorinti ha palesato una serie di considerazioni in relazione al rischio-fallimento corso in questi mesi dal Comune di Messina.

“Si faccia piena luce – ha dichiarato il leader di Cambiamo Messina dal Basso - sulle responsabilità politiche e amministrative di una gestione confusa e pasticciata che coinvolge tanto i vertici dell’Amministrazione che lo stesso Consiglio Comunale”. “Anche Felice Calabrò – continua Accorinti - come capogruppo del Pd in Consiglio, dovrebbe spiegare alcune scelte sbagliate, senza dimenticare che una parte significativa della coalizione che lo appoggia ha contribuito a creare questa situazione allarmante”.

Le informazioni rese da Palazzo Zanca sono scarse e contraddittorie. Ma indipendentemente dall'effettiva mole debitoria del Comune, Accorinti ci tiene a ribadire la sua posizione: il dissesto va assolutamente evitato.

Per impostare una strategia amministrativa occorrerà partire da dati certi. Per questa ragione il professore della Enzo Drago chiede che venga fatta assoluta chiarezza sulle cifre, e, contemporaneamente, auspica che la richiesta di moratoria sull'esame del piano di rientro dia tempo alla nuova Amministrazione per rivalutare il piano stesso.

“Perché – si chiede, infine, Accorinti - è stato approvato un piano di riequilibrio fondato su basi inesistenti? L’opinione dei revisori dei conti sulla convenzione era ben nota e il parere dell’Avvocatura dello Stato non ha fatto altro che consacrarne la validità. Felice Calabrò – conclude -, che dice adesso di sapere come affrontare la situazione, era capogruppo nello stesso Consiglio che ha approvato un piano di rientro inesistente, portando di fatto la città a un millimetro dal dissesto”.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

cincotta2

  1. Video
  2. Foto