Benzinai: Alle 22 scatta lo sciopero

Pubblicato Martedì, 16 Luglio 2013 09:01
Scritto da Redazione
Visite: 1258

pompe-di-benzinaI gestori delle pompe di benzina hanno confermato lo sciopero (dalle 22 di oggi alle 6 del 19 luglio) nelle aree di servizio poste lungo tutte le tratte autostradali, tangenziali e raccordi compresi. Gli automobilisti che hanno deciso di raggiungere, in questi giorni, le località di villeggiatura dovranno dunque premunirsi per tempo.

Il governo è stato «indifferente» alle nostre denunce, annunciano Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Anisa Confcommercio in una nota. «Solo assoluta indifferenza - spiegano le tre sigle dei gestori - Nessun intervento per esercitare le prerogative istituzionali indirizzate a garantire il rispetto delle leggi e degli accordi formalmente sottoscritti. Nessuna attività di mediazione fra le parti per impedire un vero e proprio «olocausto» economico perpetrato ai danni di centinaia di imprese di gestione e di oltre 6 mila lavoratori cui viene violentemente sottratto reddito e posto di lavoro». E la benzina, intanto, continua a salire: gli aumenti scattati giovedì 11 luglio nelle stazioni Eni, seguiti poi da tutte le altre compagnie con rincari differenziati da 0,005 a 0,015 euro il litro, avevano portato ad un prezzo massimo segnato da TotalErg a 1,865 euro il litro. Il rialzo dei carburanti - segnala la Staffetta Quotidiana - scatta in controtendenza al recente calo sui mercati internazionali del prodotto raffinato. Nei giorni scorsi i gestori avevano lanciato la protesta invitando proprio il governo ad intervenire per «costringere compagnie petrolifere e concessionari al rispetto delle leggi e degli accordi».