Logo Sito New

Esami facili all'Università: arrestato docente messinese

unimee123 La Dia di Catania ha eseguito sei arresti nell'ambito di un'inchiesta su esami 'facili' all'universita' di Messina. La Dia ritiene di avere scoperto un'organizzazione che influenzava le prove di ammissione alle facolta' a numero chiuso e agli esami universitari. L'inchiesta coordinata dalla Dda di Messina ipotizza, a vario titolo, i reati di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso e associazione per delinquere finalizzata al voto di scambio, all'usura e al millantato credito.

Gli arrestati nell'operazione "Campus" della Dia a Messina sono: Antonio Domenico Montagnese, 50 anni, che era stato indagato nell'ambito dell'operazione denominata "Panta Rei" condo

Leggi tutto...

Vara. Iniziata la raccolta fondi da parte dell'Ordine dei Farmacisti

vara3L'assessore alla cultura, Sergio Todesco, ha ringraziato, con una nota, il presidente dell'Ordine dei Farmacisti di Messina, Nino Abate, che gli ha comunicato l'avvio della raccolta fondi in favore dell'organizzazione della festa della Vara. “Si tratta di un'iniziativa lodevole – spiega Todesco - che denota una rara sensibilità per la memoria storica e l'identità della nostra città. La cifra raccolta sarà documentata e si potrà avere adeguato riscontro attraverso la consultazione di un apposito Albo, pubblicato sul sito on line del Comune. La nuova Amministrazione, motivata ma alle prese con emergenze e problemi da risolvere in tempi brevi, è orgogliosa di ricevere gesti simili

Leggi tutto...

Rinviato a giudizio finto finanziere: tentò di abusare di una donna

tribunale-messina-c2a9-sostine-cannataIl gup Antonino Genovese ha stabilito il rinvio a giudizio per un tentativo di violenza sessuale operato da un 58enne (A.M.) che, fingendosi finanziere, ha provato ad approfittare di una donna debole e sola.

Il processo inizierà il prossimo 16 ottobre davanti ai giudici della prima sezione penale del tribunale. Dopo un primo rifiuto, l'uomo avrebbe minacciato la vittima di farle togliere l’affidamento della figlia (disabile), ma non si sarebbe fermato qui. Il 58enne è infatti accusato anche di minacce e atti osceni. L’uomo, nel maggio del 2011, le aveva fatto credere di essere un finanziere, di essere i

Leggi tutto...

False perizie per aiutare boss mafioso: indagati l'avv. Traclò e due psichiatri

tribunale-messina-624x300Una maxi inchiesta della Squadra Mobile sembra aver svelato delle false perizie psichiatriche stilate a favore dei Boss Lillo Campagna e Nino Trovato, per ottenerne la scarcerazione. L'indagine, coordinata dal sostituto procuratore della DDA Giuseppe Verzera, avrebbe infatti fatto trapelare dei presunti favoreggiamenti nei confronti del Clan di Mangialupi: 3 dei 5 avvisi di chiusura delle indagini hanno raggiunto inoltre un noto penalista messinese e due psichiatri del tribunale. Si tratta rispettivamente di Francesco Traclò, 73 anni, e di Marina Martina, 54 anni, e Giuseppe Dattola, 56 anni; il provvedimento ha riguardato anche il Boss Nino

Leggi tutto...

Bambino morso da una zecca, abitanti di Maregrosso in rivolta

"La salute prima di tutto" si dice spesso, e di certo mai proverbio popolare fu più azzeccato per esprimere il totale dissenso degli abitanti della zona di Maregrosso. Da alcuni mesi infatti nel quartiere è presente una parte di terreno recintato contenente rifiuti e carcasse di animali, i quali a loro volta portano verso il tumulo topi ed insetti vari. Un pericolo ben visibile, che nella giornata di ieri ha dato, purtroppo, motivo di discussione: un bambino di 11 anni è stato morso da una zecca, il fanciullino è ovviamente finito in ospedale. In segno di rivolta, gli abitanti del rione ieri erano già insorti, per così dire, nella zona di Cannamele, posta esattamente tra Via San Cosimo e Via Roosevelt, poco vicino a Maregrosso, appunto. Oggi però i cittadini hanno alzato decisame

Leggi tutto...

cincotta2

  1. Video
  2. Foto